Sport: Quando i commentatori del Tour de France pedalano negli spaghetti!

presto

Francamente, se guardate il Tour de France alla televisione francese e non conoscete niente al ciclismo, vi consiglio vivamente di aver sempre a prossimità un dizionario  dedicato  alla strana lingua parlata dagli amanti della bicicletta altrimenti siete buoni per l’ospedale psichiatrico, sopratutto che la corsa dura tre settimana! Per esempio, un corridore in caccia-patata, non è un corridore che ha avuto una subita voglia di patate e che è sceso dalla bicicletta per raccogliere delle patate nei campi che costeggiano la strada. Assolutamente no!  Il corridore in caccia-patata è un povero coglione che si trova intercalato tra la testa della corsa e il plotone e che non riesce mai a raggiungere la testa. Di solito, il plotone lascia fare il tizio durante due cento km prima di superarlo a cinquanta metri dall’arrivo. Altro esempio che mi ha lasciato perplesso quando si diceva che Vicenzo Nibali aveva la “schizzetta”, e io di pensare che il povero italiano soffriva di incontinenza oppure di eiaculazione precoce durante le tappe! Ma dopo, ho capito che l’espressione faceva riferimento agli scatti irresistibili di Nibali! Una volta che avete assimilato tutto il gergo proprio al ciclismo, resta la tappa più difficile per il telespettatore: sopportare il chiacchiericcio permanente dei commentatori sportivi che pedalano nel semolino. Vedete ancora un’espressione abbastanza popolare in Francia – si dice anche pedalare nei crauti, nello yogurt….- utilizzata per le persone che perdono le proprie capacità e che indicava all’origine i corridori sfiniti dalla fatica e che non riuscivano più a far girare i pedali. E posso dire che i nostri assi del commento sono alla frutta dopo ore ad infliggersi delle banalità! Altrimenti, si renderanno conto che dire ad ogni tappa : “il corridore ha vinto con i pedali” è completamente ridicolo e io dalla mia poltrona di gridare, ogni volta: ma, cretino, come farebbero i ciclisti per vincere se non avessero i pedali!

PS: Se cliccate l’immagine sopra, potreste ascoltare la più bella canzone francese dedicata al ciclismo: storia di una ragazza fanatica  di bicicletta, soprannominata Rustine, (la rustine designa in francese il tondino di gomma che serve a riparare le camere d’aria delle biciclette) che incontra un certo Anatole…calembour a gogo intraducibili e fisarmonica.

 

 

Annunci

Mondiali di calcio : Quando un intero paese non si smetteva di respirare per una partita contro la Nigeria !

N0296293_JPEG_3_3EM

Forse non ci crederete, cari lettori, ma fu un tempo in cui il calcio era uno sport normale cioè come gli altri ; e tutto il destino della Francia non dipendeva da una partita contro la Nigeria. Volete una prova ? Allora cliccate sopra per leggere l’edizione del 14 luglio 1930 del Figaro dove il giornale dedicava 7 righe al campionato europeo femminile di pallacanestro e 7 righe per la vittoria della Francia contro il Messico ai mondiali di Calcio in Uruguay. Il giornalista scrive sobriamente un modello di trafiletto : “La coppa del Mondo è iniziata ieri, a Montevideo. Due partite sono state disputate, l’una riguardava la squadra francese che ha vinto il Messico, segnando 5 gol ad 1, Nell’altra gara la squadra statunitense ha vinto il Belgio 3-0”. Ma come doveva essere felice questa Francia di una volta dove la televisione, i giornali ed i tuoi colleghi di lavoro non ti rompevano i corbelli, dalla mattina alla sera, con la partita contro il Messico !  🙂

I Mondiali di calcio di cento anni fa !

calcioingl

Diceva il manuale di guerra del 1914 : “Il calcio è un’esercitazione di disciplina nello sforzo violento, forma il soldato, e deve fare parte dell’educazione del fante.” E mentre sto guardando questo scatto di cento anni fa in cui dei soldati, sul fronte, si preparano a giocare una partita, con addosso le maschere antigas, nell’aria resa mefitica dal gas mostarda…quanto mi sembrano ridicole le lamentazioni delle mezze cartucce della Squadra Azzurra a proposito di tutto e di niente durante questi mondiali : fa troppo caldo, c’è troppo umidità, piove, il prato non è stato annaffiato, l’erba è troppo secca, non ho potuto fare l’amore prima la partita, mi hanno vietato di twittare, non c’è il timeout, l’arbitro ci fa paura e sembra addirittura uscito da un romanzo di Bram Stoker….ecc…ecc…

Mondiali di calcio : Allez les bleus !

Ieri sera in TV ci hanno fatto ascoltare la colonna sonora italiana per i mondiali. Suppongo che sia una tradizione condivisa da tutti i paesi che partecipano ai mondiali di calcio, quella della canzone ufficiale per accompagnare la nazionale di calcio ai  mondiali. In Francia, per questo fottuto inno ai galletti è un po’ la stessa regola che in Italia cioè essere il più trash possibile. Volete un esempio ? La canzone ufficiale per i mondiali del 1978 in Argentina che potete ascoltare sotto. E non pensate che le cose stanno migliorando con gli anni, è di male in peggio ! Non ho ancora sentito il tormentone di questo anno, ma pensate, cari autori, che i mondiali si svolgono in Brasile, la patria di Gilberto Gil ! Non ci fate vergognare !

 

Allez, Allez, Allez la France !

Allez les Bleus ! (x4)

Andremo, è promesso, fino in Argentina !

Per la coppa del Mondo

Chi va vincere

Noi lo sappiamo

Hidalgo l’ha detto : “Allez les petits” (forza galletti)

Abbiamo la grinta, ci crediamo

con un po’ di fortuna viva la Francia

Sono tutti francesi, vanno a vincere : Les Bleus ! (x2)

Allez, Allez, Allez la France !

Allez les Bleus (x3)

E’ fantastico quando cantiamo per i nostri tifosi,

Siamo qui per la Francia

Per i nostri galletti !

Andiamo a vincere

Siamo verdi, siamo gialli, siamo rossi o bianchi

Ma non dimentichiamo che oggi abbiamo scelto il Bleu

Sono tutti francesi, vanno a vincere : Les Bleus (x2)

Allez, Allez, Allez la France….

Sport : l’importanza del rugby a Bordeaux e nel sud ovest della Francia ?

Basta aprire il supplemento sportivo della domenica del giornale Sud-Ouest per constatare un’enorme divario culturale per quanto riguarda lo sport tra la Francia e l’Italia.

IMGP9114

IMGP9115

IMGP9116

IMGP9117

IMGP9118

9 pagine interamente dedicate al rugby…

IMGP9119

due miserabili pagine per il calcio ! 🙂