Il calvario di Toulouse-Lautrec in mezzo ai più belli vigneti del mondo.

L’anno scorso, cari lettori, abbiamo visitato il castello Lamothe, un’azienda vitivinicola nellEntre-Deux-Mers, la regione di Bordeaux situata tra la Garonna e la Dordogna e siete scesi con me, al centro della terra, in una stupenda cava di pietra calcarea che fa funzione di cantina. Oggi, torniamo nell’Entre-Deux-Mers, ma più a sud ovest in una zona dove sono prodotti i più grandi vini bianchi del mondo : Cadillac, Loupiac, Sainte-Croix-du-Mont e sulla sponda sinistra della Garonna : il mitico Sauternes ! In questo Entre-deux-mers hanno vissuto due viticoltori famosi, il primo ebbe un nobel di Letteratura e si chiamava François Mauriac. Lo scrittore bordolese ha utilizzato, d’altronde, una bellissima espressione per designare questa regione di Bordeaux che domina la valle della Garonna : i paesi immobili ; il secondo viticoltore è stato un pittore solforoso : Henri de Toulouse-Lautrec. La tenuta vinicola di François Mauriac, Malagar, si trova a solo qualche chilometro da quella della famiglia di Toulouse-Lautrec, il castello Malromé, in un piccolo paese chiamato Verdelais. Malagar è all’uscita del paese, Malromé è sulla strada provinciale verso Saint-André-Bois. Forse, non lo sapete ma Verdelais è stata una cittadina rinomata nel medioevo, l’equivalente di Lourdes oggi e il suo calvario è semplicemente il più bello e difficile di Francia.

IMGP8197

La via principale di Verdelais che porta alla basilica Notre Dame de Verdelais si chiama i viali (les allées) e dai due lati della via, nel XIX secolo, sono stati costruiti degli alberghi per accogliere i pellegrini che si recavano in massa a Verdelais per guarire da qualsiasi tipo di malattia. Notate che, secondo me, un bicchiere di Sainte-Croix-du-Mont vale tutti i rimedi del mondo ! Ma come Verdelais è diventata una città miracolosa ? Niente acqua miracolosa a Verdelais ! Secondo la leggenda, è una contessa di Foix  che ha scoperto, nel XII secolo, una statua seppellita della madonna che fu all’origine del grande pellegrinaggio di Verdelais. E non mi chiedete perché le contesse del XII secolo si divertivano a scavare il sottosuolo di Verdelais, non ne ho la minima idea ! Comunque sia, nel XIV secolo, Verdelais è già un luogo famoso per i miracoli operati da questa Madonna. Poi un monastero è creato dai monaci celestini per diventare nel XVII secolo, un immenso centro di pellegrinaggio raggiunto a piedi nudi dalla gente dalle sponde della Garonna ;  altro che una passeggiata, credetemi. Se avete l’occasione un giorno di passare a Verdelais, entrate nella basilica e leggete gli antichi ex voto. Ce ne sono veramente dei commoventi !

IMGP8200

Il calvario che sale fino alla cima del monte Cussol è stato creato alla fine del XVII per i pellegrini in proveniente da Saint-Macaire, un paese accanto, ma c’erano, allora, solo quattro cappelle. Un nuovo calvario, composto da quattordici cappelle che illustrano la passione del Cristo,  è stato inaugurato nel 1863. Forse vi chiedete perché un miscredente francese vuole fare questo calvario ? Ci sono due ragioni : perché è buono per la salute e fa bene al cuore ; la seconda ragione è perché vorrei evitare ai miei lettori italiani che fanno le vacanze, in estate, in Bretagna per visitare i calvari di fare una polmonite. Ma perché, cari amici italiani, vi ostinate ad andare nella brutta e piovosa Bretagna mentre l’Aquitania assomiglia alla California ed è la regione preferita dei francesi ? Non solo i nostri fari, ma anche il nostro calvario è più interessante di tutti i calvari bretoni riuniti !

IMGP8203

A sinistra, nel piccolo cimitero che costeggia il calvario, c’è la tomba del pittore Toulouse-Lautrec. Non è troppo sorprendente che il pittore che bruciava la sua vita nei bordelli parigini sia stato seppellito qui nella terra dove sono prodotti i più grandi vini del mondo, nei paesi immobili. Henri di Toulouse-Lautrec è morto a due passi, nel suo castello di Malromé che lui adorava. La madre di Toulouse-Lautrec era una donna pia ed aveva comprato il castello per la sua prossimità con il pellegrinaggio di Verdelais.

IMGP8205

La tomba modesta del pittore con la croce tolosana sulla stele. A casa mia, nel salotto, ho un immenso specchio che avrebbe appartenuto alla famiglia Toulouse-Lautrec. Secondo la leggenda famigliare, lo specchio sarebbe stato dato dalla famiglia Toulouse-Lautrec alla nonna materna di mia nonna per ringraziarla dei servizi resi. Lei era di Verdelais, il marito aveva qualche ettaro di vigne nei dintorni ma erano i tempi della fillossera, e lei doveva stirare le camicie della famiglia Toulouse-Lautrec a Malromé per vivere.  Francamente, non so se la storia di questo specchio sia vera, a me sembra strana tipo racconto alla moda di Guascogna. La cosa certa in questa leggenda è che la mia antenata lavorava veramente per la famiglia di Toulouse-Lautrec.

IMGP8202

Alle mie spalle, il campanile della basilica di Notre Dame de Verdelais. Le fondamenta della chiesa risalgono al XII secolo, ma la chiesa è stata ristrutturata nel XVII e nel XIX secolo. Il campanile è stato sormontato da una vergine in rame dorato, alta 3,75 metri, nel 1875.

IMGP8206

La piccola salita è solo un aperitivo. Il percorso comincia qui, davanti alla cappella di Santa Agonia. Nome destinato a spaventare il pellegrino, suppongo. All’ingresso della cappella, due statue : una raffigura Isaia, l’altra Geremia.

IMGP8211

Il magnifico parco, sul fianco del monte, ricoperto da querce e castagni. Le cappelle disseminate nella foresta rappresentano le stazioni della via Crucis. Per il momento, ci sono dei lavori perché il calvario è stato colpito duramente dagli uragani del 1999 e del 2009.

IMGP8214

La cappella del santo sepolcro che termine il calvario. Dietro tre crocifissi monumentali : i due ladroni e il Cristo al centro, dominano la valle della Garonna. Il ladrone di sinistra a perso un braccio durante la tempesta di 1999. I crocifissi sono in metallo, ma una volta erano di legno e il povero Cristo moriva folgorato ogni volta che c’era un temporale !

IMGP8219

I due ladroni e il Cristo contemplano i vigneti di Sauternes !

IMGP8215

A destra, le colline dell’Entre-Deux-Mers. Lo sguardo si perde verso Sainte-Croix-du-Mont, Loupiac, Cadillac. Un oceano di vigneti si estende a perdita d’occhio….

IMGP8217

Ai nostri piedi. La valle della Garonna. I paesi immobili. Di là del fiume sulla sponda sinistra della Garonna, c’è la regione di Sauternes. Ancora di là, ad ovest, il tratto scuro che vedete è la più grande foresta di pini marittimi del mondo : le Landes di Guascogna. Ed io non mi stanco male di questo panorama.

IMGP8221

A sinistra, il vecchio molino in cima al monte Cussol. Dietro questo molino, c’è una bellissima viale di cipressi che scende fino a Malagar, la tenuta vinicola di François Mauriac….ma sarà per un prossimo post !

Potrebbero interessarvi i post seguenti :

Alex sulle tracce di Montaigne a Montravel !

Il viticoltore bordolese che inventò la democrazia !

Il viaggio al centro della terra di Alex !

La chiesa della pietra parlante !

La cittadella sperduta in mezzo alle vigne !