Estuario mon amour. Seconda parte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Se avete mancato la prima parte, cliccate qui! Jean-Pierre Gauffre che ha scritto un piccolo dizionario assurdo e impertinente di Bordeaux e della Gironda – e anche, se siete interessati, un piccolo dizionario assurdo e impertinente della vigna e del vino – scrive alla parola estuario: “Mississippi europeo. L’estuario della Gironda è il più vasto e il più pulito d’Europa. Ma ci vogliono tesori di persuasione per convincerne i turisti che assimilano le sue acque dai colori incerti e fiammeggianti all’inquinamento. Sono gli stessi, d’altronde, che hanno sempre difficoltà a capire che quando il corrente va verso l’Oceano, significa che la marea scende e non il contrario. Ecco perché soltanto gli autoctoni risentono veramente quello che succede sull’estuario. Ci si trova alla rinfusa: anguille, alose, nutrie e carrelet sulle sue sponde, isole nel suo mezzo. E anche fusti d’albero, pattumiere in plastica, reti per la pesca, tosaerba, per farla breve, tutto quello che può cadere dentro e inizia così un viaggio verso l’Oceano. Ma resta comunque il più pulito. Poiché ve lo diciamo!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...