Bordeaux: il mio viaggio in Grecia!

Qualcuno vi dirà che la Grecia è un paese del Mediterraneo dove i francesi adorano trascorrere le loro vacanze. E io vi  dirò che non c’è bisogno di spendere un capitale per andare in Grecia perché, da Bordeaux, il viaggio costa il prezzo di un biglietto di tram; la Grecia si trova via del Giardino Pubblico al numero 278. La via del Giardino Pubblico è una delle vie più lunghe di Bordeaux, inizia come il suo nome indica al Giardino Pubblico e attraversa Bordeaux verso nord per finire agli Chartrons, il vecchio quartiere dei negozianti in vino. Al Giardino pubblico, è una via signorile con le sue case del settecento dove soltanto gli straricchi possono acquistarci un appartamento e più andate verso nord più la via diventa popolare per finire in vicolo cieco in mezzo ad una città  di case popolari. E forse non ci crederete ma, in mezzo a queste case popolari, c’è la Grecia. E ovviamente la Grecia bordolese assomiglia ad un’isola! Un’isola grande quanto un fazzoletto da tasca e costituita da un giardino curatissimo e al centro di questo giardino, una chiesetta, tanto piccola che potete passarci davanti cento volte dalla via senza mai rendervi conto che si tratta di una chiesa. Forse mi direte che manca il mediterraneo, ma è una Grecia Atlantide e in inverno quando soffia il vento dal Golfo di Biscaglia, sentite comunque che il mare non è lontano. In questa Grecia si ritrova la comunità greca di Bordeaux; non sono tutti credenti ma si ritrovano comunque là. E mentre il pope prende il tempo di svelarmi tutte le tecniche antiche per realizzare e dipingere le icone raccontandomi anche tutta la storia della chiesa ortodossa dal grande Scisma, una vecchietta viene a salvare il miscredente che sono portandomi a vedere il giardino. Nel fondo del giardino c’è la scuola greca dove i giovani possono imparare la lingua dei nonni; una pergola con una vecchia foto dell’acropoli sopra la finestra della casetta dove vive il pope; un fico di Bordeaux – albero tipico dei vecchi giardini bordolesi. E la mia nuova amica di raccontarmi con il suo accento di Bordeaux DOC che la gente si riunisce là quando c’è un giorno di festa. E tutti di portare dei piatti dai nomi impronunciabili che mangiano insieme sotto la pergola. Parlano di politica, della crisi economica che colpisce duramente la Grecia. Evocano con orgoglio i nonni che sono arrivati a Bordeaux con passaporti italiani perché scappavano all’occupazione italiana di Rodi. Molti erano anche greci che avevano difficoltà ad essere accettati in Grecia perché venivano dall’Asia minore e hanno preferito espatriarsi in Francia. Storie di famiglie complicatissime che raccontano anche una storia dell’Europa. E davanti alla mia sorpresa di trovare questa terra greca via del Giardino Pubblico, l’amica mi racconta che, una volta, i greci quando arrivavano a Bordeaux si sistemavano in questa via per aprire dei negozi di spugne. Lei mi racconta ancora come i genitori non volevano parlare greco a casa per permettere ai figli di integrarsi meglio in questa nuova patria e mi mostra la foto di un nipote che fa il dottore. Devo dire che mi piaccerebe molto trascorrere un giorno tra questa gente sotto il fico e sentire il loro chiacchiericcio in greco. Tranne, ovviamente, quando accendono la televisione per tifare la Nazionale greca perché diciamolo: è la squadra di calcio più noiosa del Mondo! 🙂

Annunci

6 thoughts on “Bordeaux: il mio viaggio in Grecia!

  1. Bonsoir cher Alex,
    j’ignorais complétement l’existence de cette communauté, quoi que je pense qu’on puisse trouver de tout à Bx (si puo’ dire cosi?).
    Selon toi, on pourrait manger des spécialitées grèques là-bas ?
    Je t’embrasse et te souhaite une bonne continuation de vacances.

    • Bonjour Francesca,
      Sans vouloir être flatteur, selon moi, tu parles et tu écris dans un français que la majorité des français ne pourra jamais atteindre. Disons que l’utilisation du subjonctif est d’un registre plus soutenu mais dans le langage parlé on préfèrera un indicatif. Par contre il y a une différence entre quoi que et quoique et dans ce cas précis il faut utiliser quoique (anche se). Résumons : français soutenu : quoique je pense que l’on puisse, français usuel quoique je pense qu’on peut….En fait, les deux sont correctes mais la première est plus élégante.
      Moi non plus je ne savais pas qu’il y avait une communauté grecque à Bordeaux ! Je pense qu’ils mangent des trucs grecs pour certaines occasions, quand ils se réunissent entre eux.

      Bon dimanche Francesca,

      Alex

      • Grazie, grazie Alex caro!
        Bon dimanche à toi aussi et à bientôt.
        (andremo a mangiarle insieme allora 😉 )

      • A condition que ce soit de l’agneau à la broche ou du poisson grillé parce que je suis encore plus difficile que mon chat, comme lui je déteste les courgettes mais aussi les tomates et les aubergines…Je ne pense pas que je pourrais survivre très longtemps en Grèce ou en Italie 🙂

        Bonsoir Francesca,

        Alex

  2. In ritardissimo sul post… A Cargese, villaggio della costa esterna (occidentale) della Corsica, poco a nord di Ajaccio, si possono ammirare due chiesette identiche e simmetriche, collocate su due declivi opposti e che, dunque, si guardano in faccia. Una è cattolica, l’altra ortodossa.
    m.

    • E non si fanno la guerra? La chiesetta sopra appartiene al patriarcato di Costantinopoli e a Bordeaux c’è un’altra chiesetta ortodossa ma che appartiene al patriarcato di Mosca e ho avuto l’impressione, ma forse è stata solo un’impressione, parlando con dei parrocchiani, che le due comunita non si apprezzano molto.

      Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...