A Bordeaux ci sono château e château, e sono due cose ben diverse !

Un lettore di Bordeaux e dintorni, che conosco da anni, mi scrive che a Bordeaux siamo tutti castellani un po’ snob. Francamente, che siamo tutti castellani non c’è dubbio. Ma sono gli altri che sono snob. Noi siamo furbi e conoscitori della psicologia del bevitore di vino. Adesso, vorrei dire quattro parole a proposito degli château di Bordeaux che sono più un riflesso della vanità umana che veramente legati alla Storia. Esistono due categorie di château a Bordeaux. La prima categoria corrisponde allo château classico che secondo la definizione dell’enciclopedia Trecani è :

un edificio fortificato, cinto di mura con torri, eretto nell’età medievale per dimora e difesa dei nobili proprietarî di terre e dei signori feudali. Per estens., fortezza, rocca oppure  un vasto edificio costruito per abitazione dei signori in campagna, a somiglianza dei castelli medievali, in cui però gli elementi difensivi sono conservati spesso soltanto come motivi architettonici.

Bene. Su questo blog, abbiamo già incontrato château di questo tipo nei dintorni di Bordeaux, non è questo tipo di Château che ci interessa oggi, ma piuttosto un’altra categoria che comprende più di 10.000 château ! Purtoppo l’enciclopedia Trecani non dà una definizione di questa seconda categoria di Château, forse perché è veramente qualcosa che si trova unicamente a Bordeaux. Per darne una definizione vi invito a guardare le due immagini sotto che sono due case diverse, ma che hanno esattamente la stessa natura.

destnel

Siamo nel Médoc. La foto è stata scattata negli anni 1860 e raffigura lo château Cos d’Estournel nell’appellazione Saint-Estèphe. La cosa divertente è che potete andarci oggi, niente è cambiato, anche la strada che passa davanti allo château è la stessa. Tranne ovviamente che oggi ci sono i bus di  turisti che si fermano sul bordo della strada e bloccano la circolazione per permettere alla gente di scendere e di scattare lo château. Credo sia lo château più scattato del Médoc ! Una volta, ho visto un gruppo di asiatici scattare lo château, altri asiatici dietro che scattavano  i colleghi…e così via

cosdest

Siamo ancora nel Médoc e sempre negli anni 1860, qui siamo a Saint-Julien-Beychevelle. E cosa pensate che sia questa modesta casa ? Sì, avete indovinato ! è un altro château : lo château Saint-Pierre. Cosa hanno di comune le due case ? Sono due aziende vitivinicole. Quindi possiamo dare la definizione seguente : ogni tenuta vitivinicola a Bordeaux si chiama Château, che sia un palazzo rinascimentale oppure quattro tavole in legno in mezzo ad un vigneto. D’altronde c’è anche uno château La Cabane (la Capanna) a Pomerol e vicino a questa Capanna c’è il famoso château Petrus che possiede né château e nemmeno una fottuta capanna nel vigneto ; e tutti i turisti di scattare la tinaia pensando che si tratti di uno Château. Adesso devo confessarvi qualcosa. Tranne le case a pianterreno del settecento costruite in mezzo alle vigne che i bordolesi chiamano “certose” tutto il resto è un bluff. Gli château sono semplicemente una trovata commerciale, un’invenzione, per vendere di più e se c’è una cosa al mondo che sanno fare i bordolesi dall’antichità, è vendere il loro vino, no ? Prima l’ottocento, non esistevano gli château a Bordeaux, ma i viticoltori si sono accorti che gli amanti del vino erano assai snob (non dimentichiamo che solo un certo ceto sociale all’estero poteva permettersi il Bordeaux) e quindi i viticoltori si sono messi a costruire quegli château medievali, rinascimentali…ecc…ecc…che sono semplicemente delle imitazioni di altri château, degli anacronismi…e a chiamare château tutte le aziende vitivinicole. Tutto questo per accontentare la vanità dei clienti perché anche il miglior vino del Mondo si venderà meglio con una bella etichetta raffigurando uno château del quattrocento che con un villino di periferia….Forse il fatto che i nostri château siano delle contraffazioni è quello che piace tanto ai cinesi !

 

Annunci

10 thoughts on “A Bordeaux ci sono château e château, e sono due cose ben diverse !

    • Ehi, Vite di Vino, hai notato come il nostro ospite sia per scontato quale sia “il miglior vino del mondo”? 😉
      Buona giornata a tutti,
      m.

      • Ciao,
        non so se segui questo blog da tanto ma seguendolo puoi -in parte- conoscere anche il suo autore e, per quanto mi riguarda, Alex non è uno che dà le cose per scontate. Naturalmente questa è la mia opinione personale.
        Saluti e buona giornata.

      • Buongiorno mia cara Monica ! Se vuoi, posso scrivere : “anche il più cattivo vino di Bordeaux…ecc…” 🙂 Contento che tu abbia notato la frase ! Credo sia qualcosa di tipicamente bordolese di considerare che la città di Bordeaux sia la più bella del Mondo, che i nostri vini siano i migliori, che la nostra cucina, le nostre spiagge, la nostra foresta…ecc…siano incomparibli. Ma niente sciovinismo perché è alla moda di Guascogna e la gente di Bordeaux è piuttosto aperta. La prova è che senza gli inglesi e gli olandesi che si sono sistemati a Bordeaux, non si parlerebbe nemmeno di vino ! Sono loro che li hanno inventati 🙂

        Alex

      • Infatti, una battuta per prenderti un po’ in giro! Proprio conoscendoti, apprezzo il sano attaccamento alla tua terra, nonché l’affascinante competenza sulle notizie. Grazie ancora,
        m.

    • Solo gli château sono degli scherzi, ma non gli uomini che fanno il vino. Già che mi ero emozionato quando hai scritto a proposito di un vino di Saint-Estèphe. Sono davvero impaziente di leggere il tuo post che riguarderà la degustazione dei sauternes in settembre 🙂

      Alex

  1. Bel post! Grande Alex!
    La mia non era provocazione ma solo provocamento o provocaggio.

    PS: Ci conosciamo ormai da 7 anni. Gli anni Blues, i più belli.
    Grazie a te ho conosciuto i Lomax . Una settimana fa ho letto un graphic novel (autori francesi) dal titolo Lomax ma era solo la prima parte della loro storia.

  2. Grazie per il link, sito da divorare. Una parte della storia raccontata nel sito (registrazioni in carcere) c’è nel graphic novel.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...