Vino : una bordolese da Guinness !

IMGP0015

Mentre sto osservando turisti inglesi e cinesi che camminano sui moli un calice di vino in mano, mi torna in mente che, quando ero bambino, c’era un recinto che impediva di accedere ai moli perché c’era ancora un’attività portuale importante a Bordeaux e il porto autonomo di Bordeaux non scherzava con la merce. E poi, i bordolesi non avrebbero mai avuto l’idea di guardare verso il fiume oppure di passeggiare sul lungofiume. Che strana idea sarebbe stata. Poi, le cose sono cambiate. Il porto autonomo di Bordeaux ha deciso di spostare le attività portuali più a valle sull’estuario e le navi, tranne quelle da crociera, hanno smesso di raggiungere Bordeaux. Gli anni 2000 furono una specie di rivoluzione copernicana per i bordolesi che videro i moli abbandonati completamente ristrutturati per la passeggiata e lo sport. I vecchi magazzini degli anni 1920 sono stati rasati al suolo per creare giardini oppure trasformati in negozi, il magazzino sotterraneo davanti a piazza della Borsa servendo ormai di serbatoio per alimentare lo specchio d’acqua. In solo qualche anno, i moli sono diventati la passeggiata preferita dei bordolesi. E ormai su questi nuovi Champs Elysées bordolesi ci si organizza in giugno, in avvicendamento, un anno su due, “Bordeaux festeggia il fiume” e “Bordeaux festeggia il vino“. Quest’anno è l’anno di “Bordeaux festeggia il vino”.  Nel 2012, all’occasione del precedente “Bordeaux festeggia il vino”, vi avevo presentato la mostra : Le bordolesi XXL. Quest’anno un collettivo di artisti ha realizzato un mosaico con 300.000 tappi in sughero su una botte di 9 metri di altezza e che raffigura paesaggi del bordolese. E sono tutti ansiosi : la tonnellerie bordolese che ha fornito le doghe e gli artisti che hanno partecipato al progetto perché vorrebbero fare entrare la botte di vino nel guiness book ! Strani questi bordolesi, no ? La prima volta che sono andato in Italia, ci sono due cose che mi hanno esterrefatto : i vecchi che guidavano bici elettriche (prima di questo viaggio in Italia, non avevo mai visto una bici elettrica !) e un amico italiano in un ristorante che mi spiegava perché i bordolesi non sapevano fare dei vini di qualità e come mai utilizzavamo ancora tappi in sughero mentre in Italia si utilizzava tappi a vite ? (a me che sono per niente sciovinista e piuttosto aperto, mi scocciano subito questi discorsi). Forse dovrei inviare all’amico uno scatto del mosaico per mostrargli che, tanti anni dopo, usiamo ancora i tappi in sughero e che siamo sempre gli stessi bordolesi arretrati ! 🙂

Annunci

2 thoughts on “Vino : una bordolese da Guinness !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...