In cucina con Alex : Il paese dei divoratori di dune bianche !

Post scritto a Lacanau. Vorrei dedicare la ricetta di oggi a Dona, una fedele lettrice di Bordeaux e dintorni e delle mie divagazioni. Due o tre volte la settimana, ho questa strana domanda nella bacheca di WordPress : si può fare il bagno a Bordeaux ? Quindi vorrei ricordare ai lettori italiani che Bordeaux si trova a sud ed è la seconda città preferita dei francesi dopo Parigi e lontano davanti a qualsiasi città della Costa Azzurra. La gente viene a Bordeaux e in Aquitania per il clima, l’oceano, i laghi, la natura preservata, la cucina, il vino e la simpatia degli abitanti. Dunque potete fare tranquillamente il bagno da Soulac fino alla Spagna. E quando avete finito il bagno, potete fermarvi in panetteria per comprare delle Dune Bianche, le nuove leccornie che vanno di moda a Bordeaux. Sono state inventate da Pascal Lucas a Grand Piquey, un paese sulla strada del Cap Ferret, ma stanno invadendo tutta la regione. Oggi, in anteprima delle vacanze, vi propongo la ricetta di queste Dune Bianche che ricordano le nostre dune costiere. Tutta la bontà di questi dolcetti risiede nella crema “mousseline profumata alla vaniglia”.

IMGP9467

Gli ingredienti per circa 18 Dune Bianche :

Per la pasta choux : (è veramente la base della pasticceria francese)

  • 150 g di acqua
  • 80 g di burro
  • 120 g di farina
  • 3 uova
  • 1 cucchiao di zucchero, 1 pizzico di sale e 3 cucchiai di zucchero a granelli

Per la crema “mousseline” (la crema mousseline è una crema pasticcera alla quale si aggiunge del burro e nel caso delle dune bianche anche della Chantilly)

  • 25 cl di latte
  • 50 g di zucchero
  • 20 g di maizena
  • 3 tuorli d’uovo
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100 g di burro
  • 25 cl di crema “fleurette” (la crema fleurette è una crema di latte da montare, utilizzata per fare la Chantilly)

IMGP9469

Prima tappa : Preparare i piccoli choux  che chiamiamo “chouquettes” in francese. Niente di più facile ! Preriscaldate il forno a 150 gradi.  Mettete sul fuoco un pentolino con il burro e l’acqua e portate il tutto a ebollizione.

IMGP9470

Ritirare rapidamente e incorporare, immediatamente ed in un solo colpo tutta la farina e il pizzico di sale. Mescolate energicamente con una spatola di legno per evitare la formazione di grumi…

IMGP9471

Rimettete la preparazione sulla fiamma e lasciatela asciugare fino a quando tende a staccarsi dai bordi della pentola. Una tappa abbastanza importante, la pasta non deve essere umida, altrimenti i choux non gonfieranno alla cottura….

IMGP9472

Lasciate raffreddare. Versate la preparazione in una ciotola. Aggiungete lo zucchero e incorporate le tre uova una alla volta. L’idea è di ottenere una pasta ferma, liscia e brillante…

IMGP9483

Ricoprite una placca di carta forno. Non c’è nemmeno bisogno di una sac-à-poche, che orrendo pleonasmo : un sac è già una poche in francese ! Ho utilizzato un cucchiaio. Spolverate con la granella di zucchero e infornarte per circa 30 minuti. Dipende un po’ dal forno di ognuno, per il mio : 30 minuti a 150 gradi….

IMGP9486

Il risultato. Riservate i choux (ma non metteteli in frigo !)

IMGP9476

Adesso prepariamo la crema “mousseline”. Prima tappa  : fate scaldare il latte con la vaniglia.

IMGP9478

In una ciotola, lavorate i tuorli con lo zucchero finché diventano bianchi (in francese questa tappa si chiama : blanchir les jaunes !)

IMGP9479

Aggiungete la maizena. Mescolate bene…

IMGP9480

Versate il latte a filo…

IMGP9481

Rimettete il composto nella casseruola e fate cuocere, mescolando frequentemente, a fuoco dolce per evitare i grumi. Quando la crema pasticcera è addensata. Riservatela in frigo.

IMGP9487

Ecco la nostra crema pasticcera dopo qualche ora in frigo. Adesso, prepariamo la crema mousseline. Sbattete energicamente la crema pasticcera fredda…

IMGP9488

Aggiungete il burro ammorbidito e frullate bene…

IMGP9490

Frullate la crema “fleurette” per ottenere una crema Chantilly…

IMGP9492

Incorporate delicatamente la crema Chantilly al composto. Perché una Chantilly ? Semplicemente per rendere il composto più leggero…

IMGP9493

Farcite con l’aiuto di una tasca da pasticcere le dune….

IMGP9496

Il risultato, sicuramente vi resterà abbastanza di crema per rifare una placca !

IMGP9502

Buon appetito !

Annunci

13 thoughts on “In cucina con Alex : Il paese dei divoratori di dune bianche !

  1. Non, Bordeaux n’est pas la 2ème ville préférée par les Français. Les CPS- se fichent des Dunes Blanches, bien que délicieuses avec le Chantilly et la crème anglaise, deux ingrédients que j’adore. Ils préfèrent Nice et la socca! 🙂

    dragor (journal intime)

  2. Alex caro…grazie:)
    Io farei 1300 km in auto per mangiare queste delizie, per rivedere Lacanau, per conoscere personalmente te e per “annusare” l’aria della Francia. Intanto appena a casa la tua ricetta sarà trascritta sul quaderno delle ricette, memoria storica de La Dona famiglua! 🙂

  3. E’ proprio quella classifica a dire che i CSP- (Categoria Socio Professionale -, in pratica i bifolchi) preferisce Nice. Bordeaux è seconda, marameo 🙂

    dragor (journal Intime)

    • Secondo lo stesso sondaggio, Nizza è la città nella quale la gente d’Aquitania non vorrebbe assolutamente vivere e Bordeaux è la città più odiata dai nizzardi. Teoricamente non dovremmo nemmeno essere amici ! 🙂

      Buona sera Dragor,

      Alex

  4. Pingback: Bacino di Arcachon: Alex in paradiso (oppure dove mangiare le ostriche ad Arcachon! terza parte) | Bordeaux e dintorni, stagione III

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...