Quando il fiume dei bordolesi mette dell’acqua nel proprio vino !

“Mettre de l’eau dans son vin” cioè mettere acqua nel proprio vino è un’espressione francese che significa : placarsi, mettere giudizio, moderarsi, rabbonirsi, patteggiare, diminuire le sue esigenze, essere tollerante, indulgente, non troppo esigente sui principi. Mettere acqua nel proprio vino è stato l’atteggiamento del nostro caro fiume, la Garonna, che nonostante un coefficiente di marea mostruoso, ha deciso di non straripare oltre i moli di Bordeaux. Grazie per la tua mansuetudine, Garon, il nostro dio-fiume.

bordeauxquaidesmarques

Primo febbraio, un sabato sera sul molo di Bacalan, scatto di Xavier33000 

Annunci

6 thoughts on “Quando il fiume dei bordolesi mette dell’acqua nel proprio vino !

  1. ciao Alex,

    il buon Xavier doveva avere un bel paio di galosce per prendere questo scatto!! E fidarsi parecchio sia del suo equilibrio, sia della buona vena del grande fiume… é un attimo farsi portare via dalla corrente!

    Non sapevo di questo detto. Bello. Dà l’idea di stemperare i bollori alcoolici del vino nella neutra acqua.

    Mi hai fatto venire in mente mia madre che, con grande scandalo delle colleghe puriste piemontesi, perfino al ristorante aveva l’abitudine di mischiare un po’ d’acqua nel vino, sempre rigorosamente rosso, che beveva con moderazione ma con ammirevole quotidiana costanza.

    E a chi la rimbrottava di rovinare tale delizia, rispondeva, con immutata cadenza toscana,
    … ehhh, io se ‘un l’annacquo ‘un mi toglie la sete…

    Bello il racconto e drammaticamente bella anche la foto!

    a presto,
    HP

    • Il buon Xavier ha preso un rischio inconsiderato quando si sa che 7 giovani sono morti annegati nel fiume dal 2012.

      Sai cosa ha fatto la ricchezza di Bordeaux dal medioevo, HP ? Il clairet o claret come dicono gli inglesi. Un vino rosso leggero e “chiaro” prodotto sulla riva destra del fiume specialmente destinato agli inglesi e alle donne. Tua madre ha semplicemente inventato il Claret piemontese 🙂 Non credo che ci sia qualcosa che potrebbe scandalizzare un bordolese tranne ad aggiungere dello zucchero nel vino….

      Buona giornata HP !

    • Oh no, con il passare dei secoli, Garon è diventato astemio, una volta era un ubriacone e ogni inverno gli abitanti di questo quartiere si ritrovavano con un metro d’acqua nelle case, oggi il tizio è la vergogna di Bacco, suo padre, e non riesce più ad esondare oltre il molo.

      Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...