Canzone : Il lamento delle ragazze di vita.

ya van desplumados

Cliccate la stampa di Francisco Goya : Ya van desplumados (los caprichos) per ascoltare  Barbara interpretare la canzone di Brassens : Il lamento delle ragazze di vita. Sotto la traduzione in italiano della canzone.

Sebbene quegli stronzi di borghesi [bis]
Ci chiamino ragazze di vita [bis]
Non è che tutti i giorni ci divertiamo,
parola mia,
non è che tutti i giorni ci divertiamo.

Poiché, pur avendo zampe da gru [bis]
Andare su e giù per le strade [bis]
È faticoso per le gambe
Parola mia
È faticoso per le gambe

Non solo abbiamo calli [bis]
Occhi di pernice; ma ancora [bis]
È pazzesco cosa consumiamo di scarpe
Parola mia
È pazzesco cosa consumiamo di scarpe

Ci sono dei clienti, dei sozzoni [bis]
Che non si lavano mai [bis]
Eppure li dobbiamo coccolare
Parola mia
Eppure li dobbiamo coccolare

Dobbiamo fargli “scaletta” [bis]
Per farli sentire al settimo cielo [bis]
I soldi non crediate che li rubiamo
Parola mia
I soldi non crediate che li rubiamo

Siamo disprezzate dalla gente [bis]
Siamo strapazzate dai piedipiatti [bis]
E minacciate dalla sifilide
Parola mia
E minacciate dalla sifilide

Sebbene tutta la vita facciamo l’amore [bis]
Ci sposiamo venti volte al giorno [bis]
Non ci godiamo mai la festa
Parola mia
Non ci godiamo mai la festa

Figlio di una smorfiosa e di un deficiente [bis]
Non ridere della povera Venere [bis]
La povera vecchia baldracca
Parola mia
La povera vecchia baldracca

C’è mancato poco, caro mio [bis]
Che questa puttana non fosse tua madre [bis]
Questa puttana che tu prendi in giro
Parola mia
Questa puttana che tu prendi in giro.

Annunci

4 thoughts on “Canzone : Il lamento delle ragazze di vita.

  1. …ma oggi les groles non si logorano più. Le trottoir c’est le web!
    Ottima traduzione Alex. Per chi non conosce le slang francese non è facile.

    • A Bordeaux, le scarpe si logorano ancora sui marciapiedi…Non conoscevo questa bellissima canzone, l’ho sentita per la prima volta ieri mattina alla radio, concludeva un dibattito sulla legge contro la prostituzione. Tutte le strofe finiscono con due versi identici che fanno rima con il suono “ole” : rigole, parole, guibolle, grolle, cajole, vole, vérole, fiole, casserole e poi c’è la voce di Barbara….

      Buon weekend Ziryabb !

      Alex

  2. Mi hai fatto venire voglia di riascoltare anche “Le passanti”, cantata da Brassens e, perdona, in italiano da Fabrizio De André.
    Grazie, Alex.
    m.

    • Contento che la canzone ti sia piaciuta ! Niente da perdonare, la versione di Le passanti cantanta da De André è più bella 🙂

      Buona settimana Monica !

      Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...