Perché la Francia sarà sempre la francia !

Conoscete il punto comune in francese tra la testa, i fiori e le caviglie ? Tre espressioni abbastanza comuni che designano il fatto di montarsi la testa, di provare un orgoglio eccessivo, di credersi più di quel che si è. Queste espressioni sono “avere la testa grossa” (avoir la grosse tête), inviarsi dei fiori (s’envoyer des fleurs) e avere le caviglie che gonfiano (avoir les chevilles qui enflent). Queste espressioni potrebbero descrivere quello che sta succendo a Arnaud Montebourg, il ministro francese della ripresa produttiva e della reindustrializzazione della Francia. In francese il titolo di questo ministero è “redressement productif” cioè letteralmente “raddrizzamento produttivo” ma sarebbe troppo equivoco in italiano, già che lo è in francese ! Conoscete Arnaud Montebourg ? E’ il tizio vestito da marinaretto che percorre la Francia in velosolex per vantare il “made in France” e convincerci di comprare francese. L’altro campo di Arnaud Montebourg è la reindustrializzazione della Francia. Fino ad ora la reindustralizzazione della Francia consiste, per il ministro vestito da marinaretto, a visitare siti industriali per annunciare agli operai che loro hanno perso il posto di lavoro oppure che la loro azienda è delocalizzata in Cina. Notate che questo blog non fa politica e prima di questo idiota di sinistra, c’era un idiota di destra che aveva esattamente lo stesso ruolo :  fare ingoiare la pillola alla gente.

Ultimamente, il nostro Pippo non lo sa della Ripresa produttiva ha fatto realizzare un film per vantare il “made in Francia” e l’industria francese. Un video che tenta di risvegliare il nazionalismo e lo sciovinismo francese evocando i grandi successi industriali francesi. Successi ovviamente che abbiamo regalato al mondo – niente di meno. Un video che sembra esitare tra un vecchio film di propaganda nella prima parte e un vecchio film aziendale degli anni 1980 nella seconda parte. Ma sapete che in questo film, che potete vedere sopra, ho imparato un sacco di cose ! Ho imparato che la Francia ha dato al mondo la locomotiva a vapore e non parlateci del britannico Richard Trevithick, non ne abbiamo mai sentito parlare. E l’aviazione ? Ancora un’invenzione francese ! E tanto peggio per gli americani Orville e Wilbur Wright perché un giorno qualcuno scoprirà l’oiseau blanc di Nungesser e Coli in una cantina di Brooklyn perché anche i polli sanno che sono loro che hanno riuscito la traversata dell’Atlantico per la prima volta ! L’automobile ? Ancora un’invenzione francese e questo maledetto tedesco Carl Benz era solo un plagiatore. La medicina ? Avete già indovinato : la medicina è stata inventata dai francesi ! Ma non la medicina di campagna, ne lasciamo la paternità ai greci, noi abbiamo inventato la medicina industriale ! La radioattività ? Ancora un’invenzione francese perché è ben noto che solo l’uranio francese è radioattivo. D’accordo, abbiamo avuto qualche problema e la nostra industria sta un po’ crollando in questo momento. Ma non è colpa nostra ! Sono gli americani che ci hanno rovinato con Wall Street e i loro bombardamenti durante la seconda guerra mondiale ! Ma la Francia si rialzerà perché la Francia sarà sempre la Francia. Beh’ dopo avere visto il film, c’è almeno una cosa che non abbiamo “dato al mondo” : il senso dell’umorismo !

Annunci

4 thoughts on “Perché la Francia sarà sempre la francia !

  1. Alla testa e alle caviglie bisognerebbe aggiungere un’altra parte anatomica. Perché tutto lascia supporre che Montebourg “pète plus haut que son cul”.

    Ciao Alex, splendido post.

    dragor (journal intime)

    • Grazie Dragor ! E’ vero, c’è anche quest’altra espressione tipicamente francese per dire fare il passo più lungo della gamba. Quando penso che l’ho votato alle primarie socialiste. Non è possibile ! Dovevo essere ubriaco a morte ! 😉

      Alex

  2. Bella, però, la colonna sonora! Francese pure quella?!? 😉
    Ma, dai Alex, non mi puoi disilludere così. Io sono sempre impressiona dal tuo paese e vorrei che fosse il mio. E poi, vorrei che avessimo noi (noi cisalpini, intendo) un briciolo dello sciovinismo d’oltralpe. E poi, vorrei un sacco d’altre cose.
    Buona notte a tutti,
    m.

    • La colonna sonora è di Antoine Vivaldin, un cugino francese di Antonio Vivaldi 🙂 D’accordo per un po’ di orgoglio nazionale, ma in questo fresco film il ministro della ripresa produttiva ci racconta addirittura delle balle 🙂

      Buona sera Monica !

      Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...