In cucina con Alex : l’alchimista è quello che sa mutare l’albume d’uovo in oro !

Sapete, cari lettori, perché so che nessuno di voi ha realizzato il dolce basco ? Perché, semplicemente, nessuno mi ha fatto la domanda seguente : Adesso che ho fatto il dolce basco, caro Alex, cosa potrei fare con i bianchi d’uovo ? E io avrei risposto proponendo un classico facile facile della pasticceria francese : i Finanzieri. Quei dolci, che troverete in tutte le panetterie di Francia, sono stati creati negli anni 1890 dal pasticciere Lasne, nel quartiere della Borsa di Parigi. Assomigliano a dei lingotti d’oro e sono stati chiamati Finanzieri per attirare i clienti benestanti che frequentavano la borsa di Parigi. Il successo fu immediato. Purtroppo, non ho gli stampi da Finanzieri, ma non è grave. C’è sempre una soluzione ! Vedrete che la ricetta è semplicissima. Ho realizzato i miei finanzieri, sabato sera, tornando dalla spiaggia, in meno di 40 minuti.

IMGP8281

Gli ingredienti :

  • 4 albumi d’uovo (ricuperati e congelati quando ho fatto il dolce basco)
  • 200 gr di zucchero a velo
  • 110 gr di mandorle in polvere
  • 200 gr di farina
  • 135 gr di burro
  • 1 pizzico di sale

IMGP8282

Preriscaldate il forno a 200 gradi. Versate in una ciotola la farina, lo zucchero a velo, le mandorle in polvere e il pizzico di sale….

IMGP8283

Mescolate gli ingredienti poi create una fontana al centro ; versate gli albumi (non dovete montare gli albumi a neve). Girate con un cucchiaio di legno.

IMGP8284

Il risultato.

IMGP8285

In una padella fate sciogliere il burro

. IMGP8287

Bisogna farlo anche un po’ cuocere fino ad ottenere una colorazione nocciola (noisette in francese) non di più. Occhio a non fare annerire o fumare il burro !

IMGP8289

Aggiungete il burro poco alla volta mescolando bene per avere un composto omogeno.

IMGP8291

Io non avevo gli stampi da Finanzieri, ma degli stampi per tartellette vanno bene lo stesso. Invece di avere dei lingotti d’oro, avremo delle medaglie d’oro !

IMGP8304

Infornate a 200 gradi nel terzo superiore del forno per 15 minuti, poi abbassate la temperatura a 180 gradi e lasciate ancora i Finanzieri per circa 5 o 6 minuti. Aspettate 2 o 3 minuti prima di aprire la porta del forno. Togliete i dolci dagli stampi e lasciate raffreddare. Avete notato che certi Finanzieri hanno la gobba ? Sono quelli che sono stati cotti negli stampi di silicone. E’ normale ! E’ il lato madeleine di Proust dei finanzieri. Se avessi cotto i finanzieri negli stampi rettangolari per finanzieri, sarebbero stati panciuti lo stesso. Gli altri non hanno la gobba, perché gli stampi erano un po’ sproporzionati per dei Finanzieri. Diciamo che sono Finanzieri americani tipo banksters della Goldman and Sacks, ma il gusto è lo stesso….

IMGP8305

Buon appetito !

Annunci

12 thoughts on “In cucina con Alex : l’alchimista è quello che sa mutare l’albume d’uovo in oro !

    • L’ho messa per te 🙂 Disegno del 1845 alla mina di piombo. Si vede la curva del fiume, il quai Luigi XVIII e le colonne rostrales. Non ci sono ancora i moli verticali ed i navi sono attraccati al centro del fiume. Davanti alla piazza dei Quinconces, c’è un vaporetto che serve le città lungo l’estuario…

      Buona domenica Lazerone !

      Alex

    • Era solo una frase per punzecchiare il lettore 🙂 Io, invece, non avrei mai pensato a fare delle meringhe ! Da noi è roba che si compra dal panettiere (una grossa meringa costa circa 1 euro).

      Buon inizio di settimana !

      Alex

      • Qui i sospiri sono delle cupole che hanno la base di cialda, il ripieno di meringa umida (non del tutto asciugata al forno) e sono ricoperte di cioccolato… È il dolce della merenda della mia infanzia 🙂

      • Che leccornia ! In Francia, fino a qualche anno fa, i sospiri si chiamavano “têtes de nègres” ma sono stati ribattizzati “têtes choco” in nome al politicamente corretto ! Sembra che il cambiamento di nome sia stato fatale ai sospiri perché non li vedo più nelle pasticcerie !

        Alex

      • Grazie Monica ! Non conoscevo spumino, ma avevo già sentito la parola sospiro. Sono parole bellissime per designare la meringa 🙂

        Alex

  1. Pingback: In cucina con Alex: viaggio a Dax nel paese delle Lande di Guascogna! | Bordeaux e dintorni, stagione II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...