A Bordeaux, le librerie sono delle navi !

IMGP7813

La città di Bordeaux è la patria natia di tre giganti della letteratura : Montesquieu, Montaigne e François Mauriac.  Le tre Emme come diciamo familiarmente a Bordeaux. Sono ovunque in città e sembra che tutte le vie, piazze, strade, scuole, biblioteche, licei, università si chiamino Montesquieu, Montaigne oppure Mauriac. Pensate che a Bordeaux c’è anche una via che è stata battezzata alla Rivoluzione francese : lo spirito delle leggi per rendere omaggio al viticoltore di La Brède. D’accordo lo concedo volentieri :  Montesquieu e Montaigne hanno cambiato la storia della filosofia mentre François Mauriac  non ha cambiato la storia della letteratura nonostante un premio Nobel ; anzi è un po’ caduto nel dimenticaio delle lettere. Comunque, il fatto è che i bordolesi hanno la passione dei libri. Potete andare alla libreria Mollat, la più grande libreria indipendente di Francia, via Porte Dijeaux, e vedrete che la libreria, senza interruzione, dalla mattina alla sera, è sempre stracolma di gente. E stiamo parlando di un ettaro di libri in pieno centro storico ! Potete andare alla biblioteca comunale, ci sono sempre code per prendere in prestito dei libri e non trovate mai il libro che cercate tra i milioni di documenti della biblioteca. Di recente, vi ho parlato degli armadi magici che fioriscono in tutta la città. Sono mobili in legno dove potete deporre i vostri libri  per regalarli ai passanti  oppure prendere in prestito un libro. Gesti puramente gratis.

In autunno, a Bordeaux, avremo la fortuna di avere una nuova libreria, ma di un tipo un po’ particolare  perché sarà sistemata su una nave attraccata lungo un nuovo pontone, a La Bastide, sulla riva destra della Garonna. Se guardate il quadro del XVIII secolo sopra, vedete la piazza Reale di Bordeaux, oggi piazza della Borsa. Sembra che il pittore sia stato su una nave in mezzo al fiume per eseguire il dipinto. Dietro le sue spalle, immaginate il nuovo pontone con la libreria galleggiante e la stupenda veduta su Bordeaux.

Un progetto davvero pazzesco quello di questa libreria galleggiante dovuto all’accanimento di una coppia :  Richard e Brigitte Muairon. Due appassionati di libri. Lei ha lavorato, per anni alla libreria Gallimard, boulevard Raspail a Parigi, lui voleva già aprire una libreria una decina di anni fa, a La Bastide, ma il progetto non si era concretizzato per la mancanza di un locale disponibile. Allora è nata l’idea di abbandonare la terraferma per sistemare una libreria sul fiume.

Inutile dire che è stato un percorso del combattente per convincere il municipio, le banche, trovare dei soci pronti ad investire 500 000 euro per la costruzione di un nuovo imbarcadero privato sulla riva destra. Ma due altre coppie di amici hanno deciso  di raggiungere l’avventura e di ormeggiare le loro navi accanto alla libreria galleggiante. Quindi in autunno, ci saranno tre navi attraccate all’imbarcadero : la libreria galleggiante, il Marco Polo che è una nave da crociera fluviale e la chiatta reale anche essa destinata al turismo fluviale.

Per il momento, La libreria galleggiante è stata battezzata : il battello libro ! avete capito il gioco di parole ? Fa riferimento ad una famosa poesia di Rimbaud : il battello ebbro. In francese è più evidente perché c’è poca differenza tra bateau livre e bateau ivre ! Ovviamente bisognava trovare una nave ed è stata la parte più difficile del progetto. Finalmente, c’era questa vecchia nave da crociera fluviale, l’Aliénor, lunga 43 metri con una bella vetrata sopra il ponte, che arrugginiva nel bacino fluviale numero 1 (bassin à flot) di Bacalan. Se conoscete i bacini fluviali di Bacalan a Bordeaux, l’avete sicuramente vista. Attualmente la stanno completamente ristrutturando in un cantiere navale e sarà pronta per quest’autunno.

Per quelli che conoscono già Bordeaux, il nuovo imbarcadero di 60 metri sarà ubicato tra il ristorante l’Estacade e la guinguette la petite Gironde. A questo punto devo fare un’appartata per sconsigliarvi quei due ristoranti dove si mangia davvero male per un prezzo scandaloso. Purtroppo, il nome battello libro non sarà conservato, la libreria galleggiante cambierà di nome per chiamarsi l’Alienor-Cripure. Cripure essendo un personaggio di un romanzo di Louis Guilloux : il sangue nero nel quale questo Cripure è un discepolo di Kant che fa ai suoi allievi gli elogi della critica della ragione pura. Per dire la verità, non ho letto il romanzo, ma è il libro preferito della coppia Muairon. Se avete l’occasione di venire a Bordeaux e volete comprare qualche libro oppure semplicemente leggere, non mancate la libreria galleggiante Aliénor-Cripure ed i suoi 8000 libri. Il battello navigherà anche lungo l’estuario per incontrare il suo pubblico.  A proposito avete indovinato il nome del nuovo imbarcadero sulla riva destra ? Montesquieu ! Siamo a Bordeaux, sì o no ?

Potrebbero interessarvi i post seguenti :

La setta degli adoratori di Montesquieu

Il viticoltore bordolese che inventò la democrazia…

Verona vs Bordeaux

Alex sulle tracce di Montaigne a Montravel !

Annunci

2 thoughts on “A Bordeaux, le librerie sono delle navi !

  1. Ma perché non ti ho incontrato prima! 😉
    Siamo stati a Bordeaux l’anno scorso e non sapevamo niente (o quasi) di questa città. Che, tuttavia, ci ha ammaliato. Dobbiamo tornare.
    Buona giornata,
    m.

    • Ti aspettiamo allora ! Gli italiani conoscono solo la Costa d’Azzura, la Bretagna e un po’ Parigi. Ovviamente, par condicio per noi francesi l’Italia è solo la Toscana, Venezia e un po’ Roma 🙂

      Buon weekend Monica !

      Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...