Bordeaux : il palazzo delle illusioni piazza del Parlamento

IMGP7605

La piazza del Parlamento, nel quartiere Saint Pierre, è la piazza preferita di una fedele lettrice di Bordeaux e dintorni :  Francesca. Non mi chiedete perché la piazza del parlamento si chiama così non ne ho la minima idea. Ma sapete che tutti i nomi della città sono stati cambiati dopo la rivoluzione francese e che, ovviamente, non c’è mai stato il parlamento di Bordeaux, piazza del Parlamento. Prima, la piazza si chiamava piazza del mercato Reale e non c’è bisogno di leggere il vecchio nome della piazza inciso nella pietra sotto il nome attuale per sapere che ci si teneva il mercato di Bordeaux (l’altro, il mercato del pesce era piazza Fernand Lafargue). Osservate i mascheroni sui muri. Non notate niente ? Si trovano tutti sopra le finestre del primo piano ! Una cosa rarissima a Bordeaux, una città che conta più di 3000 mascheroni ! E sapete perché ? Immaginate la piazza, nel XVIII secolo, piena di bancarelle, pensate che la gente avrebbe potuto vedere i mascheroni, se fossero a pianterreno ?

IMGP7607

Ho attraversato la piazza per mettermi un po’ all’ombra. Dietro di me, il lato ovest che vedete nel primo scatto è stato completamente ristrutturato e i lavori non sono ancora finiti. Ovviamente, le pizzerie italiane fioriscono ovunque a Bordeaux e questo cancro ha raggiunto anche la piazza del Parlamento ! Dietro di me l’ennesima pizzeria italiana di Bordeaux ha aperto : La pizzeria Totto. Che schifo. A destra, non la vedete, ma c’è una libreria che frequento con assiduità : la machine à lire. Tutti gli italiani adorano la piazza del Parlamento che trovano tanto francese. I francesi invece la trovano italiana con la sua fontana al centro. Secondo me, il fascino di questa piazza è dovuta ad una uniformità che è stata conservata. Non è sempre il caso a Bordeaux dove i palazzi sono stati rimaneggiati, trasformati, sopraelevati per guadagnare spazio. Piazza del Parlamento : i lavori di costruzione dei palazzi hanno iniziato nel 1754 e si sono compiuti soltanto nel XIX secolo anzi nel XX secolo !

IMGP7610

Uscendo dalla libreria e andando verso la via “du Pas Saint-Georges”, vedo un gruppo di turisti che sta scattando il palazzo che fa l’angolo tra la piazza del Parlamento e la via du “Pas Saint-Georges” e mi diverto un sacco. Un vero capolavoro questo palazzo ; uno di questi palazzi settecenteschi che fanno la fama di Bordeaux, non trovate ? Tranne che non è vero ! I turisti che sono in estasi davanti a questo palazzo si fanno ingannare. Tutti i palazzi della piazza del Parlamento sono appunto del settecento tranne quello li. Cari amici turisti state scattando una volgare casa in cemento. Lo so bene perché un amico ci aveva un appartamento ! La casa è stata ristrutturata, truccata sarebbe un verbo più esatto, solo negli anni 1990. Prima di essere un palazzo elegante in stile Luigi XV, questo palazzo era una topaia costruita nel XIX secolo. Sorprendente no ?

Potrebbe interessarvi il post seguente : Bordeaux come non l’avete mai vista : prima parte 

Annunci

6 thoughts on “Bordeaux : il palazzo delle illusioni piazza del Parlamento

  1. A me piace tanto Place du Chapelet/ Rue de Mably. In una Bordeaux agostana piena di turisti, era un’oasi di pace. Nel tardo pomeriggio la luce incanta.
    Buona giornata,
    m.

  2. Il quartiere di Francisco Goya con il delizioso passaggio Sarget che sfocia Cours de l’Intendance. Una piazza tutta italiana con la chiesa barocca di Notre Dame che imita la chiesa Gesù a Roma, ma in più esuberante. Dentro vicino all’altare, ci sono delle inferriate che sono dei capolavori del ferro battuto bordolese. Era tanto famoso la produzione di oggetti in ferro battuto a Bordeaux che per entrare nel mestiere, gli apprendisti dovevano realizzare una chiave prima di fare la serratura ! Una volta le case di Bordeaux non avevano porte, ma solo inferriate….

    Buona giornata anche a te Monica !

    Alex

  3. Bonjour Alex,
    La tua descrizione e le tue foto accennano appena all’atmosfera che regna in quella piazza. E’ vero: è la mia preferita. Ma non solamente per quello che hai scritto tu, preciso puntuale interessante e ricco, quanto credo per i momenti di benessere e di spensieratezza regalati da quelle facciate, da quei sanpietrini e da quella fontana. La luce delle 22 che saluta le finestre alte imponenti e tuttavia discrete, lo spettacolo che si offre a quei vetri proprio sopra la tua libreria preferita. Quanto ho desiderato avere uno studio proprio là! E’ probabilmente anche il suo essere raccolto, a conferire a questo spazio staccato dal resto, al quale si accede da tutti i punti cardinali ornati di ristoranti (la pizzeria di cui parli non esisteva, c’erano solo locali bordolesi), la sua unicità e magia. E poi certamente, come scrivi tu, la fontana …intorno ad essa ricordo su un vélo l’assistente russa imparare a pedalare restando in equilibrio su una normale bicicletta.
    Insomma Alex, per me place du parlement non puo’ avere un significato solamente denotativo e quindi esaurirsi alla tua perfetta descrizione. Va nella sfera connotativa e là;;;si apre un universo (diatopico diacronico diastratico).
    Merci pour ton clin d’oeil et pour avoir écrit de cette place.

  4. C’est parce que je voulais que tu me dises pourquoi c’était ta place préférée 🙂 C’est vrai que le post est clinique, sans affect, qu’il s’attache à une scène anecdotique observée en coup de vent sur la place. Peut-être l’aurais-je écrit différemment à un autre moment de la journée quand les gens prennent l’apéritif en terrasse, que les enfants jouent autour de la fontaine, qu’on entend de la musique, que les assistantes russes font du vélo autour de la place, que la lumière se reflète sur les baies. Mais c’est un après midi de juillet suffocant, vers 15 heures, la place est déserte, la lumière du soleil accentue la blancheur des murs et rend les immeubles insupportables à regarder. Je suis en sueur et je n’ai qu’une envie : traverser la place pour trouver un peu d’air dans la librairie. En sortant, j’observe les touristes…etc….Promis la prochaine fois je n’oublierai pas la connotation 🙂 Merci pour le commentaire Francesca !

    Bonne soirée,

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...