Quando i sindaci francesi superano i loro omologhi italiani !

E’ Vietato vietare diceva uno slogan del 1968. Cari lettori, vi ricordate, qualche anno fa, la strana stagione estiva del 2009, quella dei sindaci sheriffi che facevano a gara a chi si inventava l’ordinanza la più ridicola per fare scappare i turisti ? Per esempio : a Ravenna, c’erano multe a chi ascoltava musica in spiaggia ; a Capri, c’era il divieto di utilizzare zoccoli perché troppo rumorosi ; nel Veneziano, era la costruzione di castelli di sabbia che veniva multata…ecc…Sto leggendo sul giornale che un sindaco di un paesello di Dordogna è stato preso in giro da tutta la popolazione locale perché il tizio ha vietato la raccolta dei denti di leone sul campo di calcio ! Il giornale ha avuto l’ottima idea di fare un elenco dei divieti più assurdi, delle ordinanze sindacali più strane che potete trovare in Francia. Così vedrete, cari lettori, che tutto il mondo è paese come si dice da voi !

interdiction

E’ vietato di percorrere le strade di Arcachon, Biarritz e Hossegor a torso nudo.

E’ vietato di non rimettere un ciottolo al dritto dopo l’avere messo al contrario nelle acque dell’isola di Oléron

E’ vietato di fare il bagno durante un temporale nelle acque di Soustons

E’ vietato  di essere più di 128 apprendisti surfisti al largo di Capbreton

E’ vietato di mangiare un panino in riva al mare sulle spiagge di La Baule

E’ vietato di bere alcolici sulla sabbia di La Rochelle

E’ vietato  di esibire il suo cercametalli dopo le nove del mattino a La Palmyre

E’ vietato di fare volare il suo aquilone a più di 100 metri di altezza sempre a La Palmyre

E’ vietato agli UFO di atterrare a Châteauneuf-du-Pape

E’ vietato ai proprietari di lasciare i loro cani abbaiare a Sainte-Foy-la-Grande

E’ vietato ai cani di radunarsi da soli nelle vie di Angoulême

E’ vietato ai galli di cantare nei pollai di Oloron-Sainte-Marie Invece è obbligatorio di convivere, senza lamentarsi, con i tacchini e le pecore a Mareuil-la-Motte

E’ vietato ai fruttivendoli di parlare troppo forte nel mercatino di Rochefort

E’ vietato ai clienti del mercatino di Evian di comprare verdure se non possono giustificare che le cucineranno loro stessi

E’ vietato ai banditori di gridare a Mirande

E’ vietato di fare rumore nel parco nazionale dei Pirenei

E’ vietato di raccogliere aghi di pino nelle foreste di Charente-Maritime

E’ vietato di raccogliere gli uccelli morti a Falck

E’ vietato di consumare droghe  soltanto in undici quartieri del comune di Faumont

E’ vietato di baciarsi con la lingua nel cortile del liceo di Rodez, ma sopratutto, dal 1910,  è assolutamente vietato di baciarsi con la lingua, per ragione di sicurezza, sui binari della SNCF

Last but not least : E’ assolutamente vietato di tirare la cuoia sull’isola d’Aix, a Sarpourenx ed a Cugnaux se non ci avete già una casa o una tomba.

Allora, i miei cari lettori, siete convinti ?

Annunci

2 thoughts on “Quando i sindaci francesi superano i loro omologhi italiani !

  1. Brescia, Italia. 28 Luglio 2009 il Sindaco vieta il bivacco(sosta in numero maggiore di tre “stranieri” aggiungo io), il consumo di alcolici, il gioco del calcio e del cricket, all’interno delle aree verdi(parchi pubblici).
    Tutto il mondo è paese, ma se il sindaco è di centro destra non osate ricordarglielo!

  2. Ho preferito mettere l’accento sul lato divertente delle ordinanze, ma anche noi abbiamo i nostri sindaci leghisti 🙂

    Buon weekend Dona !

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...