Il francese che odiava i gatti

Si chiamava Jean de La Fontaine e non troverete mai nelle 14 favole dove apparisce la bestiola qualcosa di positivo. Francamente, Il bravo La Fontaine avrebbe odiato internet : un universo pieno di immagini e di film dedicati ai gatti. La Fontaine fa del gatto un ritratto poco lusinghiero nel quale il gatto viene sempre chiamato : Alessandro, Attila, Mangialardo, Grippe-fromage, Raminagrobis…ecc…Il gatto caccia con furberia e crudeltà ;  la bestiola è sempre pronta a tradire i suoi amici per i propri interessi…ecc… Sotto un esempio con la favola intitolata : il Gatto e il vecchio Topo dove un gatto nazista sopranominato l’Alessandro di tutti i gatti vuole sterminare tutti i topi del mondo.

Cliccate qui per la traduzione della favola in italiano.

Annunci

8 thoughts on “Il francese che odiava i gatti

  1. Bonjour, Alex,
    evviva il gatto Alessandro! I gatti o si amano o si odiano, evidentemente La Fontaine li temeva. Non importa se a lui non piacessero e se la descrizione che ne fa non è per l’animale edificante. Io amo il gatto e tutto cio’ che egli rappresenta.
    Mi piace il musical Cats e i disegni (anche animati) di Simon’s cat. (Lo conosci?)
    Allez, bonne soirée…pourrais-je t’envoyer me chercher les lentilles Afflelou ?

    • Ho la reincarnazione del gatto Alessandro a casa ! Una bestiola crudele che, conoscendo la mia passione per gli uccelli, mi porta ogni mattina un merlo o un pettirosso. Non vivo più ! Ho sempre l’angoscia di ritrovare assassinati, una mattina, la coppia di upupa e il picchio verde che si sono sistemati nel mio giardino.

      Non, no conosco Simon’s cat…ma si trovano solo da Afflelou queste lenti a contatto ? Sai che il tizio è di Bordeaux, i miei genitori l’hanno avuto come vicino ed è particolarmente antipatico !

      Buona sera Francesca !

      Alex

      • Bonjour, Alex,
        Sì, sì, so che è bordolese, come quello dei noir désir, ma non che fosse antipatico, Afflelou non ha ancora assassinato nessuno credo.
        A me piacciono tanto i gatti cacciatori e mi lusingano i loro omaggi, certo per le altre bestioline un po’ mi dispiace.
        (Ieri il tuo blog non mi faceva commentare: macchine diaboliche)
        P.S. poi ti dico delle lentine di Afflelou.
        P.S.1 in italiano chattemite è ‘’fare la gatta morta’’.
        Tchao Alex, bon dimanche.
        P.S.2 I tuoi uccellini sono a forte rischio gatto: o li fai scappare via dal tuo giardino oppure rischi di averli sulla coscienza!

      • Si tu veux, je peux t’envoyer une caisse de lentilles 🙂 L’expression faire la chattemite s’emploie aussi bien pour un homme que pour une femme. C’est le même cas en italien ? Je veux dire un garçon fera “la gatta morta” ou le “gatto morto” ?
        C’est que je ne peux pas passer mon temps à courir après le chat ou les oiseaux !
        P.S : malheureusement pour les commentaire, je ne peux rien y faire. Je vais quand même essayer de changer les réglages.

        Bonsoir Francesca !

        Alex

  2. Eccoti Simon’s cat:

    Moi, je l’adore, si tu as envie et temps regarde les épisodes sur youtube. C’est trop craquant, amusant et terriblement vrai.

    • C’est vrai que c’est très bien croqué ! J’avoue bien volontiers que mon chat fait la même chose, il chasse toutes les personnes qui osent s’installer sur “son” canapé ! Merci, Francesca, pour m’avoir fait découvrir la série !

      Bonsoir,

      Alex

      • Sono contenta, buona sera Alex, che ti sia piaciuto. A me capita di guardare e riguardare gli episodi e di ridere come se fosse la prima volta. Questo Simon deve conoscere molto bene il gatto domestico. Poverino lui!

        Quanto all’espressione ‘fare la gatta morta’, io la sento usare solo riferita al sesso femminile…non credo si possa dire di un uomo: fa il gatto morto. Anzi più ci penso e più direi di no, l’espressione si riferisce ad una donna!

        Merci pour la caisse de lentilles afflelou…je te dirai si c’est le cas.

      • Je pense que je vais me regarder toute la série. Curieux qu’un homme français puisse faire la chattemite, alors qu’un italien ne peut pas faire “la gatta morta”. Probablement, parce que nous sommes plus hypocrites et fourbes que nos homologues italiens 🙂

        Bonne nuit,

        Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...