Bordeaux : Francisco Goya sulla banchisa !

IMGP6212

Francisco de Goya (1824-1825), i pattinatori. Penna e lavis 12,8 x 18,6 cm. San Pietroburgo, museo dell’Ermitage.

Di Francisco de Goya ne abbiamo già parlato perché il pittore spagnolo, in fuga dalla Spagna, ha vissuto in esilio a Bordeaux, la più spagnola delle città francesi. Goya ha già settantotto anni quando si sistema a Bordeaux con la sua governante e amante, Leocadia Weiss, e rosario la figlia adolescente di Leocadia e forse anche di Goya. La famiglia vive nel quartiere di Saint-Seurin prima di trasferirsi nel quartiere spagnolo, intorno alla chiesa Notre Dame, tra il Cours de l’Intendance e  i viali di Tourny. Se venite a Bordeaux potrete visitare la casa, cours de l’Intendance, dove morì Francisco de Goya di un’emiplegia, il 16 aprile 1828. Il palazzo, oggi, ospita l’instituto Cervantes.

Goya è vecchio, affaticato, cagionevole, completamente sordo e non conosce una parola di francese, ma l’uomo ha sempre questo desiderio di conoscere il mondo, la sua sete di vita, di sapere, di amore è inestinguibile. Purtroppo, la maggior parte del tempo, Goya è costretto a rimanere in casa.

Sopra avete uno dei rari disegni di Goya durante il suo periodo bordolese. L’inverno 1824-1825 è polare. Una cosa difficilmente immaginabile oggi, ma faceva tanto freddo che la Garonna si era ghiacciata  davanti Bordeaux ; tutte le navi erano prese dalla morsa del ghiaccio . Goya che stava un po’ meglio, decise allora di affrontare il freddo, la neve e il gelo,  per andare a vedere una cosa straordinaria : i bordolesi pattinare sul fiume ! Nel disegno realizzato da Goya, si sente l’allegria, la spensieratezza della gente.  A destra, c’è una bordolese che porta sulla testa un orcio probabilmente di latte. Dovete sapere, cari lettori, che una volta, le donne bordolesi trasportavano sempre qualcosa in equilibrio sulla testa : oggetti, pacchi, cestini, botti di vino…Bellissima anche la donna al primo piano che sembra ballare tenendo il suo bambino tra le braccia ! Tutti i protagonisti sembrano ballare ma forse è dovuto ad una certa goffagine sui pattini ! A sinistra, ci sono tre adolescenti che hanno capito come scivolare sul ghiaccio…

Secondo un piccolo libro scritto da Paul Camaran nel 1910 intitolato : eventi meteorologici anomali in Gironda, il fiume si sarebbe ghiacciato bene 12 volte tra il 1401 e il 1794. L’ultima volta, correva l’anno 1985…Allora cari amici, colleghi, giornalisti…finché la Garonna non si sarà ghiacciata davanti alla piazza della Borsa di Bordeaux, non mi parlate di freddo polare in Francia.

Potrebbero interessarvi i post seguenti : La certosa ma non quella di Parma :

http://alexdebordeaux.wordpress.com/2011/09/16/la-certosa-ma-non-quella-di-parma/

Il bordolese che inventò il reportage di guerra :

https://alexdebordeauxii.wordpress.com/2012/11/23/il-bordolese-che-invento-il-reportage-di-guerra/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...